• Appartamento

    Bilocale di 55 mq con veranda e giardino privato, indipendenti, con posti letto 2+2+1

Vacanza al mare nel Salento, suggerimenti

Litorale_sabbiosoLa vacanza al mare nel Salento è diventata una meta ambita di migliaia di visitatori, che ogni anno si recano in questa bellissima terra pugliese, assaporando i profumi e i sapori culinari, ma soprattutto per le fantastiche e tante possibilità che questo territorio offre.

Non solo è bagnata da due mari diversi, per cui si può decidere di provare entrambi i litorali con qualche ora di viaggio, ma anche perché il mare, ovunque ci si rechi, è spettacolare, bello, pulito, limpido e dona al turista una visione empirica e rilassante.
Si può scegliere tra una spiaggia ricca di sabbia bianca e finissima o un litorale roccioso, con scogli alti e bassi per un bagno avventuroso con tuffi e fondali tutti da esplorare.

Qualunque sia la tua scelta non rimani mai deluso nel Salento; ci sono le classiche spiagge affollate, ambite e conosciute nel Salento, ma anche piccoli stracci di terreno isolati, golfetti incastonati nella natura, dove potersi godere il mare, sole e relax senza la bolgia classica estiva.
Di seguito qualche suggerimento per la vostra vacanza al mare nel Salento: spiagge e litorali famosi, ma anche insenature riservate da scoprire.

Gagliano del Capo – Il Ciolo

il_ciolo_gagliano_del_capoNell’estremo sud della Puglia, dove avviene l’incontro tra i due diversi mari, lo Ionio e l’Adriatico, si trova la zona di Gagliano del Capo.

Luogo adatto per chi si vuole rifugiare tra scogli e le  insenature e, gli amanti delle escursioni subacquee, possono immergersi per ore con pinne e maschere e deliziarsi con lo scenario marino, assolutamente fantastico e indimenticabile.

Qui ci sono veri strapiombi di rocce, con una visione riservata del luogo, molto amata dagli amanti della natura selvaggia e soprattutto da chi ama la riservatezza.

 

Il Ciolo nel particolare, non solo è la zona delle altissime rocce dominanti del luogo, ma vi sono anche alcune grotte marine che hanno notevoli riferimenti storici culturali del Salento oltre che paesaggistico.
mareQuesta zona, così come tutta quella circostante: Santa Maria di Leuca, Parco Costa di Otranto e altre, sono controllate e protette dall’invasione della mano umana, per cui potete trovare la natura incontaminata dello zoccolo d’Italia, con la flora e la fauna tipici del luogo, ad arricchire con la loro presenza, la vostra vacanza al mare nel Salento.

Torre di San Giovanni – Lido Coco Loco

Torre San Giovanni è un’altra zona balneare del Salento in provincia di Lecce. Si affaccia sul mare Ionio ed è una frazione del comune di Ugento. In questo litorale si trova il Lido Coco Loco, adatto ai gruppi di villeggianti che amano il divertimento, non disprezzano la confusione e che si trovano a proprio agio in mezzo ai numerosi turisti e gente locale, che affollano la spiaggia in preda al divertimento offerto dallo stabilimento.
Qui nei lunghi e caldi pomeriggi estivi, potrete animare le vostre ore sotto il sole a suon di musica e di balli sfrenati di gruppo. Tanta buona musica, giochi e divertimento per vivere una vacanza all’insegna della spensieratezza. Inoltre lo stabilimento offre tutti i comfort che servono, bevande come drink e cocktail esclusivi per accompagnare il turista nei suoi afosi pomeriggi dell’estate salentina.

 
La Torre di San Giovanni come molte altre, fu costruita su ordine del Re Calo V come portomezzo di difesa e avvistamento delle truppe dei pirati saraceni che nel XV secolo erano soliti invadere questa terra posta nel sud Italia. Si trova su un promontorio il cui effetto ottico sembra dividere a metà la costa ugentina, definendo nella zona nord i litorali con scogli e rocce, invece al sud delineando le coste con la sabbia bianca e finissima.

Cenni storici di questa terra, raccontano che in passato, questa zona era stata abbandonata a causa dell’espandersi della malaria; la zona prettamente paludosa aveva originato l’espandersi della zanzara killer che attentava alla vita degli abitanti.

Solo durante il regime fascista furono eseguite delle operazioni di bonifica, per cui tutte le zone a rischio furono ripulite e messe in sicurezza. Inizialmente tornarono su questo litorale ad abitarvi i pescatori, i quali attraccavano le loro barche al porto e si insediarono nelle poche abitazioni rimaste; con il trascorrere degli anni, la popolazione che si era spostata nell’entroterra, è tornata ad abitare anche sulla zona marina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

Nel nostro ristorante si possono assaporare le ricette tradizionali che conservano i preziosi gusti della cucina di un tempo come: la pasta fatta in casa, le frise, i ciceri e tria, fave e cicorie, li maritati e altro...

Il nostro agriturismo è composto da 10 appartamenti, bilocali, da 55 mq con veranda e giardino privato. Tutti indipendenti e con 2+2+1 posti letto.

La bellissima località di Porto Cesareo